Investimento Minimo Visto E-2 per Investitori

Il richiedente deve effettuare un investimento sostanziale per qualificarsi per il visto per investitori E2. Tuttavia, la legge non stabilisce un importo minimo in dollari. In generale, il richiedente dovrebbe essere pronto a investire almeno $ 100.000 dollari USA nell’impresa

per avere un buon caso di visto E2. L’importo effettivo richiesto dipenderà dal tipo di attività scelta dall’investitore. Investimenti inferiori a $ 100.000 potrebbero essere idonei per alcune start-up a basso costo.

Un investimento sostanziale è definito come un importo sufficiente a garantire l’impegno finanziario dell’investitore per il buon funzionamento dell’impresa misurato dal test di proporzionalità. Questo test di proporzionalità confronta l’importo totale investito nell’impresa con il costo di costituzione di un’impresa redditizia della natura contemplata o l’importo del capitale necessario per acquistare un’impresa esistente.

Tale confronto costituisce la percentuale dell’investimento del richiedente il trattato nell’impresa. Tale percentuale deve confrontarsi favorevolmente alla maniera di una scala mobile invertita a partire da un’alta percentuale di investimento per un’impresa a basso

costo. La percentuale di investimento diminuisce gradualmente all’aumentare del costo dell’impresa. Un importo di capitale investito in un’impresa si presume semplicemente sostanziale quando soddisfa o supera le cifre percentuali fornite nei seguenti esempi forniti

in dollari USA:

– Investimento del 75% in un’impresa che costa $ 500.000 o meno. Se il costo dell’impresa è sostanzialmente inferiore a $ 500.000,

potrebbe essere necessario un investimento dall’85% al 100%.

– 50% di investimento in un’impresa che costa più di $ 500.000 ma non più di $ 3 milioni.

– 30% in qualsiasi azienda che costa più di 3 milioni di dollari.

Un investimento multimilionario di dollari USA da parte di una grande società straniera è normalmente considerato sostanziale, indipendentemente dagli esempi forniti sopra.

L’importo investito nell’impresa deve essere confrontato con il costo (valore) dell’impresa valutando la percentuale dell’investimento in relazione al costo dell’impresa. Se le due cifre coincidono, l’investitore ha investito il 100% dei fondi necessari nell’attività. Un tale investimento è sostanziale.

La stragrande maggioranza dei casi riguarda percentuali inferiori. Il test di proporzionalità può essere meglio inteso come una sorta di scala mobile invertita. Più basso è il costo dell’attività, maggiore è la percentuale di investimento richiesta, mentre un’attività molto

costosa richiederebbe una percentuale inferiore di investimento qualificante.

Non esistono percentuali di linee luminose affinché un investimento possa essere considerato sostanziale. Tuttavia, come affermato in precedenza, minore è il costo dell’attività, maggiore è la percentuale di investimento qualificante prevista. Pertanto, gli investimenti del 100% normalmente si qualificherebbero automaticamente per una piccola impresa di $ 100.000 0 meno. Tuttavia, un’attività di queste dimensioni che coinvolge due partner al 50% può dimostrare la qualificazione per lo status di visto per investitori E2. All’estremo opposto, un investimento di $ 10 milioni per un’attività da $ 100 milioni sarebbe probabilmente idoneo per il visto E2 in base alla vastità dell’attività stessa. Naturalmente, se si dispone di cifre così alte, si consiglia di esplorare l’opzione EB-5 che darebbe una strada diretta verso la cittadinanza americana.

 

Mi chiamo Valerio Calanni e sono un avvocato immigrazionista abilitato ad esercitare su tutto il territorio statunitense. Sono il fondatore di Cambio Vita USA e assisto gli investitori e imprenditori italiani a trasferirsi negli Stati Uniti. Se hai delle domande, contattami e sarò lieto di risponderti.

AVVERTENZA. Il materiale pubblicato su questo sito è da intendersi solo ed esclusivamente come informazioni generali e a scopo pubblicitario, e non come consulenza legale. Nulla in questo sito costituisce la formazione di un rapporto di rappresentanza tra avvocato e cliente. Ogni caso è differente, ed è sempre altamente consigliato richiedere assistenza personalizzata e qualificata prima di procedere.